MEDICINA NATURALE ORIENTATA ALLE MALATTIE DELLA TIROIDE

CAMPO DI APPLICAZIONE

IPOTIROIDISMO     TIROIDITE DI HASHIMOTO 

IPERTIROIDISMO     STRUMA DIFFUSA D1-D3

STRUMA MONONODULARE     STRUMA MULTINODULARE 

MORBO BASEDOW-GRAVES     ORBITOPATIA ENDOCRINA

 CATARATTA     CORPO E SPIRITO

 

Omeopatia é una terapia di regolamentazione.

11.2

Utilizzo dei nostri preparati naturali porta alla stimolazione e rafforzamento della capacitá di auto-guarigione  del corpo in questi casi:

HYPOTIROIDISMO, TIROIDITE DI HASHIMOTO, IPERTIROIDISMO,  STRUMA DIFFUSA, STRUMA DIFFUSA D1-D3, STRUMA NODOSA (MONONODULARE, MULTINODULARE), MORBO BASEDOW-GRAVES, ORBITOPATIA ENDOCRINA

kasflogonew2

 

La TIROIDE è una delle più importanti ghiandole endocrine. E’ situata alla base del collo e, normalmente, ha la forma di una farfalla, costituita da due lobi e un istmo che congiunge i due lobi.
MALATTIE DELLA TIROIDE

Le malattie della tiroide si possono distinguere in disfunzioni (ipertiroidismo e ipotiroidismo),  alterazioni morfologiche (gozzi e noduli) e tumori (benigni e maligni). Molto spesso disfunzioni e alterazioni morfologiche coesistono.

Con il termine generico di GOZZO s’intende unaumento di volume della tiroide. Questo aumento di volume può essere accompagnato da alterazioni della funzionalità tiroidea sia in senso di una diminuizione  (ipotiroidismo) sia in senso di un aumento  (ipertiroidismo); esistono, però, anche gozzi che non modificano affatto la funzionalità tiroidea (gozzi non tossici); anche questi, tuttavia,  talvolta necessitano di un trattamento farmacologico e/o chirurgico se l’aumento di volume è eccessivo.

NODULI TIROIDEI sono un reperto frequentissimo anche in persone che non hanno alcun sintomo; spesso sono dei noduli che non alterano la funzionalità tiroidea e necessitano, però di essere studiati a fondo, per escludere, sia patologie tumorali, che possibili disfunzioni future.

Il riscontro di uno o più noduli tiroidei non deve allarmare, ma solo portare alla consulenza di uno specialista che, dopo aver richiesto  gli esami  opportuni, valuterà se sia il caso di tenerlo solo d’occhio con periodiche ecografie o se instaurare una terapia farmacologica o chirurgica.

IPERTIROIDISMO

Con il termine di IPERTIROIDISMO s’intende una situazione clinica (che può avere diverse cause) caratterizzata da un aumento di ormoni tiroidei in circolo. Poiché gli ormoni tiroidei sono i principali regolatori del metabolismo, questa condizione determina un aumento di molte reazioni metaboliche. 
I sintomi più frequenti sono, infatti, dimagrimento, accelerazione del ritmo cardiaco, nervosismo, tremori fini delle mani, ansia, insonnia, debolezza muscolare, sudorazione eccessiva. Talvolta, il paziente presenta bulbi oculari sporgenti e doloranti (esoftalmo) e ingrossamento della ghiandola (gozzo).

L’ipertiroidismo, più comune nelle donne rispetto agli uomini, può avere diverse cause. La più frequente è il morbo di Basedow, che insorge soprattutto nelle donne  giovani, è  una malattia in cui si ha la formazione di anticorpi che stimolano la tiroide a produrre un’eccessiva quantità di ormoni. Fra le altre condizioni che possono essere causa di ipertiroidismo, il gozzo multinodulare tossico, in cui si formano dei noduli che producono elevate quantità di ormoni, e l’adenoma solitario tossico, un tumore benigno, in cui un gruppo di cellule della tiroide diventa iperattivo. Molto frequenti sono anche la tiroiditi, specie quelleautoimmuni che possono anche  esordire con ipertiroidismo ma, solitamente,  finiscono per provocare, nel tempo un ipotiroidismo permanente. Anche alcuni farmaci, come ad esempio l’amiodarone e il litio, possono provocare ipertiroidismo. Un ipertioroidismo detto “factitio”, si può avere in persone che assumono, per svariate ragioni, quantità eccessive di ormoni tiroidei esogeni. Spesso, l’intento è quello di dimagrire, ma è una cosa che dev’ essere scoraggiata in maniera assoluta, perché il dimagrimento provocato da un ipertiroidismo, si accompagna ad una perdita di massa magra, ossia di muscoli, tra cui quello cardiaco,  e di massa ossea, con conseguente fragilità di quest’ultime.

IPOTIROIDISMO

Si parla di IPOTIROIDISMO quando la tiroide diminuisce , par cause diverse, la produzione degli ormoni tiroidei: tiroxina e levotiroxina.
Quali sono le cause dell’ipotiroidismo?

Anzitutto dobbiamo distinguere un ipotiroidismo primario (quando il problema è insito nella tiroide stessa), dall’ipotiroidismo secondario, in cui il problema è a livello dell’ipofisi,   ghiandola che regola la funzionalità di molte altre ghiandole tra cui, appunto, la tiroide.

Le forme di ipotiroidismo secondario sono piuttosto rare, mentre le cause più comuni sono:

– tiroidite cronica autoimmune, detta anche tiroidite di Hashimoto.

– deficit di assunzione di iodio

– somministrazione di iodio radioattivo per il trattamento dell’ipertiroidismo o di alcune forme di cancro tiroideo;

– interventi chirurgici di asportazione, totale o parziale, della tiroide; forme congenite

–  uso di farmaci antitiroidei (propiltiouracile, metimazolo), o che possano interferire con la funzionalità tiroidea (amiodarone e litio)

Quali sono i sintomi e segni dell ipotiroidismo?

Fondamentalmente si ha un rallentamento del metabolismo corporeo; questo può comportare disturbi molto vari, non tutti sempre presenti nella stessa persona. I sintomi e segni più comuni sono:

– aumento di peso

– sensazione di freddo

– stitichezza

– depressione

– sonnolenza

– difficoltà di concentrazione

– cute secca e ruvida 
–  gonfiore del viso

– voce rauca 

– caduta di capelli 

– perdita di memoria e difficoltà di concentrazione.

– disturbi mestruali (di solito mestruazioni più frequenti)

 

 

Leave a comment

You must be logged in to post a comment.

KASFERO ®
Copyright © 2014 KASFERO
UA-50715495-1